Castello dei Conti Costa

16-castello_benevagienna

 

Citato per la prima volta in un documento del 18 giugno 901 dell’Imperatore Ludovico III, fu proprietà prima dei Vescovi di Asti e poi dei Savoia Acaja. Passò quindi in feudo ai conti Costa di Chieri, signori di Bene Vagienna, Carrù e Trinità fino al 1559, quando il duca Emanuele Filiberto li spogliò della proprietà.

 L’aspetto odierno  è in buona approssimazione simile a quello che l’edificio doveva avere all’inizio del XV secolo, anche se il castello nel 1614 fu “visitato” da Ascanio Vittozzi, ingegnere del duca Carlo Emanuele, che suggerì alcuni restauri eseguiti nei due anni successivi. Nel 1800 il castello fu trasformato in ospedale e oggi ospita una casa di riposo.

Poco oltre il cancello di ingresso, un affresco ritrae la beata Paola Gambara Costa, moglie di Ludovico Costa, avvolta da un manto colmo di rose.
Dal maniero partono romantiche passeggiate che si snodano tra il Viale dei Platani e i baluardi di levante e di ponente (i resti dei bastioni cinquecenteschi), e raggiungono la «rotonda degli innamorati» e la ghiacciaia.

compagnia_SanPaolo

(Scopri il progetto Essenza del Territorio: clicca qui)

 

—> sCARICA lA mAPPA tURISTICA dI  BENE VAGIENNA

 

SCOPRI GLI ITINERARI COLLEGATI:
itinerario_orto_romano

Sapori e profumi dell’antica Roma

itinerario_macchina_tempo

La macchina del tempo